The Spring Exhibition, una vittoria in casa (o quasi). A Copenhagen trionfa la finlandese Riikka Kuoppala

É una delle più importanti “open submission exhibitions” del Nord Europa, dal 1857 evento principe della scena artistica di Copenhagen. “The Spring Exhibition” lancia ogni anno una open call ad artisti di tutto il mondo, invitati a proporre una documentazione essenziale del proprio lavoro: la selezione, effettuata a prescindere dal curriculum e dalla nazionalità, si […]

É una delle più importanti “open submission exhibitions” del Nord Europa, dal 1857 evento principe della scena artistica di Copenhagen. “The Spring Exhibition” lancia ogni anno una open call ad artisti di tutto il mondo, invitati a proporre una documentazione essenziale del proprio lavoro: la selezione, effettuata a prescindere dal curriculum e dalla nazionalità, si basa esclusivamente sulla valutazione delle opere proposte, con l’obiettivo di fornire un’immagine reale ed allargata delle eccellenze creative delle ultime generazioni. Uno specchio dello stato dell’arte internazionale, in tempi di globalizzazione.
La mostra, ospitata fino al prossimo 24 aprile presso la Kunsthalle di Charlottenborg – galleria ufficiale della Royal Danish Academy of Art – è organizzata dalla Charlottenborg Fonden in collaborazione con il Museo. Cinquattaquatro gli artisti per il 2011, selezionati da una giuria di profesisonisti del settore, tutti attivi in Scandinavia e dintorni: l‘artista e curatrice danese Kirstine Roepstorff, gli artisti Thora Dolven Balke, norvegese, e Johanna Billing, svedese, i curatori René Block, tedesco, e Leevi Haapala, finlandese.
Trionfa per questa edizione la finlandese Riikka Kuoppala, classe 1980, con i video “Under a Burning City” e “No Sings of Fear“. Due gli italiani che hanno superato le selezioni: Antonio Miccichè, siciliano, e il vicentino Andrea Bianconi, newyorchese d’adozione. (h.m.)

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.