Siena back to contemporary? Al via le attività del Centro Brick

Una partenza non proprio a razzo, visto che la presentazione risale a quasi un anno fa. Ma si sa, da queste parti le ere – anche artistiche – sono abituati a misurarle a secoli, per cui nessuna sorpresa. Siamo infatti a Siena, e con il primo incontro del ciclo Intorno al Contemporaneo prendono il via […]

Lucia Cresti

Una partenza non proprio a razzo, visto che la presentazione risale a quasi un anno fa. Ma si sa, da queste parti le ere – anche artistiche – sono abituati a misurarle a secoli, per cui nessuna sorpresa. Siamo infatti a Siena, e con il primo incontro del ciclo Intorno al Contemporaneo prendono il via le attività dell’associazione culturale Brick, promotrice dell’omonimo Centro per la Ricerca e la Cultura Contemporanea nato dalle esperienze di Lucia Cresti e Andrea Milani.
Per il ciclo di incontri, curato da Arabella Natalini, Brick invita – presso il Santa Maria della Scala – intellettuali, filosofi, storici dell’arte e curatori italiani e internazionali a “rispondere ad alcune problematiche legate alle conseguenze che una comprensione della nostra contemporaneità può avere sulla produzione artistica”.
Debutto sul tema Come cogliere il contemporaneo? Percorsi, esperienze e ipotesi, analizzato da due ospiti “pesanti” come Anna Detheridge e Lóránd Hegyi.

Sabato 26 marzo 2011 – ore 17.00
Santa Maria della Scala – Siena
www.actionbrick.org