Pittura, scultura, fotografia. Ecco i nuovi sfidanti del “certame dell’amarena” Fabbri

Quindici pittori, nove scultori, sette fotografi. Eccoli, gli sfidanti del “certame dell’amarena” versione 2011. Avete capito tutti, dai, si tratta del Premio Fabbri per l’Arte, la rassegna biennale ideata nel 2005 dall’azienda dell’Amarena, che quest’anno rinnova per la quarta volta l’appuntamento mettendo i creativi a confronto con il proprio brand ed il proprio celebre vaso […]

Un particolare dell’opera di Roberto Floreani, della prima edizione del Premio Fabbri

Quindici pittori, nove scultori, sette fotografi. Eccoli, gli sfidanti del “certame dell’amarena” versione 2011. Avete capito tutti, dai, si tratta del Premio Fabbri per l’Arte, la rassegna biennale ideata nel 2005 dall’azienda dell’Amarena, che quest’anno rinnova per la quarta volta l’appuntamento mettendo i creativi a confronto con il proprio brand ed il proprio celebre vaso blu.
Trentuno personalità del panorama artistico italiano ed internazionale, con una grande attenzione del curatore Alberto Agazzani anche verso i giovani emergenti, tutti pronti a rileggere la storia e le immagini della Fabbri con le loro opere. I nomi? I quindici pittori sono Chiara Albertoni, Paul Beel, Luigi Benedicenti, Giuseppe Bombaci, Andrea Boyer, Andrés David Carrara, Roberta Coni, David De Biasio, Roberto Ferri, Giovanni Gasparro, Massimo Giannoni, Alfio Giurato, Giuseppe Guindani, Mauro Maugliani, Gonzalo Orquin. Nove come si diceva gli scultori – Affiliati Peducci/Savini, Nicola Bolla, Pierluigi Calignano, Girolamo Ciulla, Marco Cornini, Gehard Demetz, Giorgio Laveri, Tironi/Yoshida, Peter von Balthazar -, mentre i fotografi che completano la schiera sono Giulia Caira, Gianluca Chiodi, Mauro Davoli, Marcello Grassi, Fabrizio Orsi, Daniela Perego, Agostino Rocco.
I vincitori del Premio Fabbri per l’Arte saranno annunciati entro il 31 novembre.

www.fabbri1905.com

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.