Non c’è solo il Pigneto. Pronto al debutto a Roma il Centro Labicano Arte Contemporanea

“Un’iniziativa che parte da lontano, da un progetto che si è posto due scopi fondamentali: recuperare l’area di Villa Fiori e creare un polo che ampliasse l’interesse per l’arte contemporanea oltre la zona del Pigneto”. Così Alessio Brugnoli, direttore artistico e curatore della mostra inaugurale, presenta il nuovo Centro Labicano Arte Contemporanea (CLAC), che dal […]

Villa Fiori, sede del Clac

Un’iniziativa che parte da lontano, da un progetto che si è posto due scopi fondamentali: recuperare l’area di Villa Fiori e creare un polo che ampliasse l’interesse per l’arte contemporanea oltre la zona del Pigneto”. Così Alessio Brugnoli, direttore artistico e curatore della mostra inaugurale, presenta il nuovo Centro Labicano Arte Contemporanea (CLAC), che dal 25 marzo aprirà le porte al pubblico in una particolare location con la mostra collettiva Il viandante e la sua ombra.

Un interno del nuovo spazio

Uno spazio fortemente voluto dai consiglieri comunali del VI Municipio, Massimo Lucà e Gianluca Santilli, che intende porsi come nuovo centro di promozione dell’arte contemporanea emergente e non solo, forte anche di spazi esterni predisposti ad ospitare installazioni e sculture di grandi dimensioni. Il Clac nasce con il preciso scopo di diffondere l’arte nel territorio circostante, incrementando un processo che già dal Pigneto (sempre nel Sesto “Arrondissement” capitolino) ha dato vita ad un arricchimento culturale sul micro – territorio romano. Trattasi già delle spore positive diffuse dalla formidabile esperienza dell’evento Reload, appena conclusosi, a poca distanza dal nuovo CLAC, nelle officine Ghisleri?

Alessandra Fina

 

CONDIVIDI
Alessandra Fina
Vive a Roma. Ha conseguito la laurea magistrale in Curatore d’arte contemporanea presso l’Università La Sapienza. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati (Villa Torlonia, Caffè Letterario Roma ecc). Ha lavorato presso Palazzo delle Esposizioni come operatore didattico e addetta all’accoglienza. Ha partecipato alla redazione del testo Europa – America 1945 – 1985, una nuova mappa dell’arte a cura di Carla Subrizi e del catalogo della mostra Sguardi Multipli. Rassegna Nazionale di Arti Visive (Palazzo San Bernardino, Cosenza – Castello Estense, Ferrara). Ha collaborato con l’ufficio stampa Novella Mirri e Maria Bonmassar. Attualmente si occupa di comunicazione e public relation e collabora con importanti testate di settore: Artribune e Tafter.
  • Tiziana Leopizzi

    Desidero complimentarmi con Massimo Lucà e Gianluca Santili per questa intelligente operazione di recupero che mi riprometto di visitare al più presto. Questi sono i progetti che ci fanno sperare di essere in grado di continuare quella vocazione che nei secoli ha reso unico il nostro Paese.
    il mio sentito grazie insieme a quello degli Amici di ARTOUR-O il MUST.
    Buona domenica
    Tiziana Leopizzi