La città che (non) sale. A rischio la “Montagna” di Paladino?

A darne notizia è Pierluigi Panza nel suo blog su Corriere.it: sarebbe in forse il reload meneghino della “Montagna di sale” di Mimmo Paladino, opera simbolo del “rinascimento napoletano”, che aveva già debuttato nel 1990 a Gibellina. Motivo? Nello stesso periodo, piazza Duo…mo dovrebbe ospitare anche l’installazione – tre grandi bolle – di Denis Santachiara […]

A darne notizia è Pierluigi Panza nel suo blog su Corriere.it: sarebbe in forse il reload meneghino della “Montagna di sale” di Mimmo Paladino, opera simbolo del “rinascimento napoletano”, che aveva già debuttato nel 1990 a Gibellina. Motivo? Nello stesso periodo, piazza Duo…mo dovrebbe ospitare anche l’installazione – tre grandi bolle – di Denis Santachiara per il Salone del Mobile. Troppa roba, insomma. Perplesso il sovrintendente Alberto Artioli, che per salvare capra e cavoli proporrebbe di allestire una versione ridotta della scultura di Paladino davanti Palazzo Reale. Intanto, questa settimana, dovrebbero arrivare dalla Sicilia i 150 quintali di sale necessari all’installazione. Se vedete i camion fateci un fischio…

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.