L’esercito di bronzo. In asta da Sotheby’s Hong Kong 25 Guerrieri di Yue Minjun…

È ormai un’icona dell’arte contemporanea cinese, qui interpretato dal grido agonizzante di 25 sculture in bronzo, alte 190 centimetri. Parliamo dell’autoritratto sghignazzante dell’artista Yue Minjun, protagonista della vendita all’asta di Contemporary Asian Art da Sotheby’s Hong Kong il prossimo 4 aprile. Esplicito riferimento all’esercito di terracotta di Xi’ian del III secolo a.C., i guerrieri di […]

Yue Minjun

È ormai un’icona dell’arte contemporanea cinese, qui interpretato dal grido agonizzante di 25 sculture in bronzo, alte 190 centimetri. Parliamo dell’autoritratto sghignazzante dell’artista Yue Minjun, protagonista della vendita all’asta di Contemporary Asian Art da Sotheby’s Hong Kong il prossimo 4 aprile.
Esplicito riferimento all’esercito di terracotta di Xi’ian del III secolo a.C., i guerrieri di Yue Minjun evocano una folla criticante proiettata sugli eventi della Cina contemporanea. Queste sculture fanno parte di una delle 10 serie che ritraggono l’artista in pose differenti, componendo un esercito di 250 figure, scorporate in diverse collezioni nel mondo.

Stimata tra 1.8 e 2.3 milioni di dollari, Contemporary Warriors No.9 è l’unica serie rimasta intatta. L’asta del 4 aprile rappresenta un evento senza precedenti, essendo la prima che offre in vendita una serie intera di guerrieri. Nel 2010, gruppi di tre figure di Minjun sono stati battuti tra i 230 e i 300mila dollari, mentre negli anni precedenti singole figure vennero aggiudicate tra i 70 e i 90mila dollari.

Martina Gambillara

 

CONDIVIDI
Martina Gambillara
Martina Gambillara (Padova, 1984), laureata in Economia e Gestione dell'Arte, si è interessata fin dai primi anni dell'università al rapporto tra arte e mercato, culminato nella tesi Specialistica in cui ha indagato il fenomeno della speculazione nel mercato dell'arte cinese dell'ultimo decennio. Per passione personale si è costantemente dedicata all'osservazione dei risultati d'asta soprattutto del segmento di Arte Contemporanea, estrapolandone i trend e la correlazione con i mercati finanziari. In seguito il suo interesse si è spostato verso i mercati emergenti, da quello cinese scelto per la sua tesi, a quello sud-asiatico e mediorientale. Ha lavorato per gallerie, case d'asta e dal 2011 fa parte dello staff editoriale di Artribune.