L’altro Piemonte. Novara celebra l’Unità d’Italia recuperando il Broletto

Mentre gli occhi sono tutti puntati su Torino e sul nuovo Museo dell’Automobile, appena inaugurato, c’è un altro centro piemontese che approfitta delle celebrazioni del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia per donarsi una struttura museale che resti anche dopo l’abbassarsi delle luci della ribalta. Parliamo di Novara, che proprio oggi ha salutato il recupero del suo […]

Il Broletto di Novara

Mentre gli occhi sono tutti puntati su Torino e sul nuovo Museo dell’Automobile, appena inaugurato, c’è un altro centro piemontese che approfitta delle celebrazioni del 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia per donarsi una struttura museale che resti anche dopo l’abbassarsi delle luci della ribalta. Parliamo di Novara, che proprio oggi ha salutato il recupero del suo Broletto, l’edificio simbolo dell’identità cittadina, con l’inaugurazione del restauro del complesso monumentale ed il suo adeguamento a sede museale ed espositiva.
Piazzato nel centro storico della città, il complesso è composto da quattro costruzioni perimetrali ad un cortile e realizzate in epoche diverse: Palazzo dell’Arengo, Palazzo dei Paratici, Palazzo dei Referendari, Palazzo del Podestà, ed accoglie la prestigiosa Collezione Giannoni, mentre l’attuale museo archeologico è stato trasferito al Castello. Al piano terra del Palazzo dei Referendari è previsto lo spazio di accoglienza e le prime sezioni museali, con l’atrio d’ingresso ad ospitare biglietteria, guardaroba, book-shop e servizi di orientamento ed informazione al pubblico. L’ampio spazio ubicato al piano terra del Palazzo dei Paratici è invece destinato ad esposizioni temporanee delle opere in deposito e a mostre tematiche.
In occasione della riapertura, il Broletto ospiterà un’esposizione dedicata alla Battaglia di Novara, uno dei momenti più determinanti dell’intero Risorgimento, combattuta il 23 marzo del 1849 alla Bicocca, sobborgo della città.

www.comune.novara.it

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • Tiziana Leopizzi

    un’operazione estremamente intelligente che ci rende più consapevoli dell’unicità del nostra passato indicandoci al contempo la strada da percorrere anche oggi. in totale sintonìa con il concept del progetto ‘ a morfologia variabile’, che portiamo avanti come Ellequadro da diversi anni. Mi auguro di poterlo visitare al più presto. Grazie e sentiti complimenti.
    Buona domenica, Tiziana Leopizzi