Galleria o mini-kunsthalle? Nuovi territori al confine tra pubblico e privato. Da VM21 a Roma

La domanda sorge spontanea: qual è la novità? La novità è tutta racchiusa nell’operazione stessa. Motion of a Nation è sì una mostra collettiva, ma le opere, specificatamente scelte dal curatore per sviluppare un personale concetto, sono prestate da altre sedici gallerie. Di che parliamo? Della romana VM21 di Maurizio Minuti, che temporaneamente si spoglia […]

Costa Vece - Made in Romania (Galleria Franco Noero, Torino)

La domanda sorge spontanea: qual è la novità? La novità è tutta racchiusa nell’operazione stessa. Motion of a Nation è sì una mostra collettiva, ma le opere, specificatamente scelte dal curatore per sviluppare un personale concetto, sono prestate da altre sedici gallerie. Di che parliamo? Della romana VM21 di Maurizio Minuti, che temporaneamente si spoglia della sua veste di galleria privata – cioè commerciale – per indossare quella di uno spazio “pubblico”. L’intento è eminentemente culturale, con un percorso – trenta opere di altrettanti artisti, ordinate dal curatore Antonio Arévalo – dedicato a quel simbolo della tradizione iconografica che proprio in questi giorni è al centro di forti e accese discussioni: la bandiera.

Loredana Longo - Floor#2- a short walk on a little flag (Francesco Pantaleone, Palermo)

Gli artisti? Da Alexander Apóstol (Venezuela) ad Alterazioni Video (Italia), Paolo Angelosanto (Italia), Eleonora Chiesa (Italia), Donna Conlon (USA), Bruna Esposito (Italia), Regina José Galindo & David Perez Karmadavid (Guatemala/Puerto Rico), Diango Hernandez (Cuba), Maria Rosa Jijon (Ecuador), Loredana Longo (Italia), Ivan Navarro (Cile), Costa Vece (Svizzera), Alejandro Vidal (Palma De Mallorca).

Alejandro Vidal - A song before sunset (Artra Gallery Milano)

dal 18 marzo al 18 maggio 2011
via della vetrina, 21 – roma
[email protected]
www.vm21contemporanea.com

Daniela Trincia

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.