ESCLUSIVA Biennale: ecco i primi nomi di Sgarbi / 1

Il tormentone italico ormai è: i nomi di Sgarbi. E allora ve li diamo, quelli veri, non le voci di corridoio, un po’ alla volta, perché sono tanti e poi perché non vi vogliamo viziare. Cominciamo con le mostre ospitate negli 89 (ottantanove!) Istituti italiani di Cultura all’estero, frutto del lunghissimo lavoro del progetto coordinato […]

Vittorio Sgarbi

Il tormentone italico ormai è: i nomi di Sgarbi. E allora ve li diamo, quelli veri, non le voci di corridoio, un po’ alla volta, perché sono tanti e poi perché non vi vogliamo viziare. Cominciamo con le mostre ospitate negli 89 (ottantanove!) Istituti italiani di Cultura all’estero, frutto del lunghissimo lavoro del progetto coordinato per il Ministero degli Esteri da Francesca Valente. Mostre dove esporranno, nella città sede dell’istituto, gli artisti italiani operanti nel paese di pertinenza dell’istituto stesso. Mostre che – come quelle organizzate a livello regionale – saranno poi visibili anche a Venezia, grazie a una rete di monitor collegati live con tutte le sedi. Via con la lista, dunque, e stavolta avrete informazioni certe da commentare…

CANADA
Toronto: Francesca Vivenza, Tony Calzetta, Vincenzo Pietropaolo
Montreal: Leda, Mario Merola, Luci Mastropasqua
Vancouver: Davide Pan, Mena Martini, Andrea Padovani

STATI UNITI
Washington: Paolo Ventura, Maria Antonietta Mameli, Renato D’Agostin
Chicago: Antonia Contro, Lou Mallozzi, Carl Baratta, Sung Jang, Stefano Cossu, Virginio Ferrari, Marco Ferrari
New York: Luisa Rabbia, Francesco Simeti, Andrea Galvani, Andrea Mastrovito, Gaetano Pesce
Los Angeles: Claudio Cambon, Luciano Perna, Elena Manferdini
San Francisco: Eva e Franco Mattes, Daniela Di Luzio

MESSICO
Città del Messico: Teresa Cito, Luciano Spanó Tancredi

GUATEMALA
Città del Guatemala: Maurizio Colombo, Oliver Stephens Giuliani, Andrès Asturias, Marino Cattelan

 

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.