Avete una vaga idea di quanto è importante abbonarsi ai feed rss di Artribune?

Il piccolo Verso… Artribune è nato da una settimana e già fa molto parlare di se. Ce ne accorgiamo dai dati di accesso che a tutto somigliano fuorché a quelli di un webmagazine neonato. E visto che abbiamo aperto questo sito-staffetta anche e soprattutto per informarvi su come va la costruzione del fratello maggiore che […]

Il piccolo Verso… Artribune è nato da una settimana e già fa molto parlare di se. Ce ne accorgiamo dai dati di accesso che a tutto somigliano fuorché a quelli di un webmagazine neonato. E visto che abbiamo aperto questo sito-staffetta anche e soprattutto per informarvi su come va la costruzione del fratello maggiore che inaugurerà a fine maggio, vorremo darvi dei ragguagli su certe percentuali e certe fonti di traffico web. Insomma la domanda è: da dove provengono le persone che atterrano sulla homepage di un sito nato da poco? La fonte principale è solitamente Google (con tutti i vantaggi e gli svantaggi in termini di percentuale di persone che capitano da te per caso), ma non ci riguarda visto che siamo qui da poco e Google ancora non ci considera tropo rilevanti (ma il 13% delle visite comunque è già lui a portarcelo). La cosa interessante, ed è forse dovuta all’attenzione che stiamo prestando ai social network e in particolare a Facebook, è il peso che queste realtà hanno negli accessi di Artribune: il 31% appannaggio della creatura di Mark Zuckerberg la dice davvero lunga. Il dato che vogliamo sottolineare, infine, è quello dei feed rss, ormai antico ma assai affidabile strumento che molti utilizzano per stare informati e aggiornati in modalità push su tutto ciò che li aggrada. Strumento molto utilizzato soprattutto per le news. E ci fa piacere costatare come oltre il 18% degli accessi provenga da questo ambito. Dunque, che dire, un invito a tutti quanti: abbonatevi ai nostri feed! Il link è quello arancione e bianco in alto a destra.

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.