A Roma la nuova sede della galleria Il Ponte. In un quartiere che quasi quasi…

Forse può anche esservi sufficiente un nome: Armando Testa. Il capostipite della creatività made in italy applicata all’advertising e dintorni. Ecco, per quanto riguarda il head quarter romano, la Armando Testa sta proprio qui, in quella Via Giovanni di Castel Bolognese di cui vogliamo parlare. Il quartiere? Davvero non facile a definirsi. Alcuni abitanti illustri […]

L'ingresso del cortile dove ha sede il nuovo spazio de Il Ponte e dove si trova anche la sede della Armando Testa

Forse può anche esservi sufficiente un nome: Armando Testa. Il capostipite della creatività made in italy applicata all’advertising e dintorni. Ecco, per quanto riguarda il head quarter romano, la Armando Testa sta proprio qui, in quella Via Giovanni di Castel Bolognese di cui vogliamo parlare.
Il quartiere? Davvero non facile a definirsi. Alcuni abitanti illustri (il nostro Pericle Guaglianone è uno) parlano -impropriamente- di “Testaccio” perché in effetti basta traversare un ponte e sei dentro al Macro Mattatoio e alla Pelanda. Altri parlano di “Porta Portese”, altri ancora la buttano sul toponimo più turistico: “Trastevere”. Siamo in un quadrante di Capitale del tutto particolare all’incrocio tra centro storico e periferia pasoliniana: case basse, atmosfera da villaggio, nuovi landmark architettonici (un curioso parking a torre, uno spigoloso palazzo bianco griffato dallo storico Studio Transit) e… spazi adatissimi alle gallerie d’arte.
Non vogliamo essere quelli che parlano di nuovi distretti manco fossimo immobiliaristi newyorkesi, però sta di fatto che il trasferimento in queste lande della galleria Il Ponte Contemporanea, storica presenza nel panorama capitolino, è cosa assai significativa. Significativa, appunto, se si pensa che nello stesso cortile c’è una società come la Armando Testa, che si vocifera del trasferimento in zona di altre realtà creative, che un hub di produzione intellettuale come Nero ha nidificato recentemente in zona. Insomma, si aprirà un nuovo fronte nella geopolitica culturale di Roma?

Inaugurazione Giovedì 24 marzo 2011
dalle ore 18.30
Sergio Picciaredda – H. H. Lim – Urs Luthi
a cura di Achille Bonito Oliva
www.ilpontecontemporanea.com

  • Consonante

    Avete colto nel segno, posto con enormi potenzialità speriamo che si trasformi e aumentino ancora i prezzi delle case, visto che l’ho appena comprata

  • pericle

    vista la toponomastica propongo ‘Artigiani’, e via

  • Redazione

    Artigianidistrict
    Zonartigiani

  • Laura

    Ci abito addirittura io (orgoglio o autoreferenzialita’?), anche il noto architetto paesaggista Stefan Tisher ha comprato casa, si vocifera di una nuova sede di SAID storica cioccolateria ora ristò di Via Tiburtina, che stia ristrutturando di fronte casa mia.
    Vogliamo bandire un concorso per dare un nome al quartiere senza che ne prenda in prestito ai limitrofi? Artigiani non e’ male, pero’ un po’ troppo low profile…

  • Buscofen

    Auguriamoci che da SAID-Artigiani si mangi meglio che da SAID-Sanlorenzo