Dietro lo pseudonimo Obey c’è Frank Shepard Fairey, classe 1970. Illustratore statunitense, tra i più noti esponenti dell’arte di strada, è diventato famoso soprattutto per i poster di Barack Obama con le scritte Hope e Change, con cui illegalmente ricoprì i muri delle città di tutta l’America. Le sue immagini divennero talmente iconiche che si ritiene possano essere state determinanti per la vittoria del candidato democratico. Il fenomeno mediatico fu senza precedenti.
In occasione di White Street Market, festival milanese dedicato alla cultura underground (dal 16 al 18 giugno) Obey sarà protagonista di una speciale proiezione: sarà presentato gratuitamente al pubblico Obey Giant, docu-film diretto da James Moll e prodotto da James Franco, Jennifer Howell e Elysium Bandini Studios. Il film racconta la storia di un uomo le cui creazioni oggi sono diventate simboli indelebili di quell’arte che nasce come grafica e approda fino al fashion pop.
Appuntamento domenica 17 giugno alle ore 16 all’Ex-Ansaldo Base in Via Tortona. Per accedere alla proiezione è necessario registrarsi sul sito di White Street Market.

www.whitestreetmarket.it/std

Dati correlati
AutoreShepard Obey the Giant Fairey
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.