Il progetto di questo film ha avuto una lunga e complicata gestazione. Iniziato nel 2010, doveva essere interpretato da Sasha Baron Cohen, ma l’attore abbandonò l’impresa a causa di pesanti divergenze con i membri della band britannica. A metà dell’opera, ad abbandonare la nave fu il regista, Bryan Singer, licenziato per assenteismo e poi sostituito da Dexter Fletcher.
Nella versione definitiva, che uscirà nelle sale inglesi il prossimo ottobre, il carismatico frontman dei Queen, scomparso nel 1991, viene riportato in vita da Rami Malek, attore americano di origini egiziane famoso per il suo ruolo nella serie tv Mr. Robot.
Nella presentazione ufficiale, il film viene annunciato come “una celebrazione dei Queen, della loro musica e del loro straordinario cantante, che sfidò gli stereotipi e distrusse le convenzioni per diventare uno degli artisti più amati al mondo. La pellicola ripercorre le tappe dell’incredibile ascesa della band, avvenuta grazie a canzoni iconiche e un sound rivoluzionario”.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.