Approda sul grande schermo l’8 e 9 maggio il documentario Cézanne. Ritratti di una vita, un film che racconta la vita e le opere di uno dei padri dell’arte moderna, colui che influenzò i Fauves, i cubisti e tutti gli artisti delle avanguardie. Ambientata a Londra, Parigi, Washington D.C. e in Provenza, quel sud della Francia in cui l’artista nacque e si spense, la pellicola rappresenta un viaggio attraverso gli spazi e le lettere private che ne segnarono l’esistenza. Tutti materiali che aiutano lo spettatore ad avvicinarsi all’animo e al pensiero di colui che per Picasso e Matisse fu “il padre di noi tutti”.
La macchina da presa mostra le immagini di Cézanne’s portraits, l’esposizione che raggruppa ben cinquanta ritratti del pittore di Aix-en-Provence: opere che hanno viaggiato dalla National Portrait Gallery di Londra, al MoMA di New York, alla National Gallery of Art a Washington DC, fino al Musée d’Orsay a Parigi. Curatori ed esperti legati a queste istituzioni hanno prestato il volto e la voce per arricchire i contenuti del film, guidando lo spettatore all’interno della mostra e della vita di Cézanne. Oltre a quadri entrati nella leggenda, come quelli dedicati alla Montagna Sainte Victoire o alle sue amatissime mele, Cézanne ha realizzato circa 200 ritratti: le persone che fecero parte alla sua vita sono immortalate proprio lì, con il suo tratto e le sue pennellate, e molte di loro furono scelte come soggetto più di una volta, poiché condivisero con l’artista momenti diversi della sua esistenza. Assieme ai ritratti veri e propri, si contano poi una trentina di autoritratti: un numero davvero impressionante nella storia dell’arte.
La serie di film Grande Arte al Cinema, di cui Cézanne. Ritratti di una vita fa parte, è distribuita in esclusiva per l’Italia da Nexo Digital con i media partner Sky Arte HD e MYmovies.it.


www.nexodigital.it

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.