L’illustratore e fumettista canadese Jesse Jacobs non smette mai di sorprendere: sui propri canali social ha infatti da poco annunciato di aver iniziato una collaborazione con lo studio indipendente Queen Bee Games volta alla realizzazione di un videogioco platform a scorrimento laterale la cui uscita è prevista per l’estate prossima. Nonostante i pochi secondi che lo compongono, il teaser di Spinch (questo il titolo del gioco) mostra in tutta la sua spettacolarità l’immaginario psichedelico di Jacobs, un universo popolato da strane creature aliene, architetture antropomorfe e ambientazioni fantascientifiche. Accompagnato dalle musiche composte dall’artista multimediale James Kirkpatrick, il protagonista del videogame, un organismo iper agile, dovrà affrontare nemici mostruosi e superare ostacoli complessi nell’intento di salvare una cucciolata della sua prole scomparsa. Famoso per i suoi libri dal gusto mistico e sci-fi (E così conoscerai l’universo e gli dei e Safari honeymoon, pubblicati entrambi da Eris edizioni), nonché per essere tra i disegnatori di Adventure Time, Jesse Jacobs è stato recentemente in Italia attraverso due mostre che, in occasione del Ratatà Festival di Macerata e del Treviso Comic Book Festival, hanno portato parte del suo universo immaginifico nel nostro paese.

– Valerio Veneruso

CONDIVIDI
Valerio Veneruso
Artista visivo, VJ, grafico freelance e curatore indipendente, Valerio Veneruso nasce a Napoli nel 1984. Formatosi presso l’Accademia di Belle Arti, si sposta a Venezia dove nel 2012 si laurea in Arti Visive all’Università IUAV. 

Co-curatore delle prime due edizioni del festival di arti interattive Toolkit Festival (Venezia, 2011 – 2012) e del progetto editoriale Banane – Fanzine, in collaborazione con Davide Spillari, (2016). Sempre nel 2016 ha diretto il workshop L’occhio tagliato – il potere della manipolazione dell’immagine nell’era contemporanea (Circolo cinematografico The Last Tycoon, Padova). È stato assegnatario di un atelier presso la Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia per l’anno 2015/2016 dove ha potuto curare il ciclo di incontri TorchioTalks – Dialoghi tra arte grafica e arte contemporanea e la relativa mostra conclusiva TorchioFolks.
Recentemente ha vinto il premio per la migliore proposta grafica in occasione della 100ma Collettiva Giovani Artisti della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia.