Il documentario Grace Jones: Bloodlight and Bami di Sophie Fiennes tratteggia un profilo inedito e molto personale della poliedrica e camaleontica artista giamaicana: amante, figlia, madre, sorella e nonna, senza filtri, alla ricerca di chi si cela davvero dietro la maschera da diva. Il film, presentato in anteprima in Italia all’ultimo Torino Film Festival, sarà distribuito in sala come evento il 30 e 31 gennaio 2018 da Officine UBU.
Si tratta di un viaggio elettrizzante attraverso la carriera pubblica e la vita privata di una vera icona della musica e della cultura pop. L’audace estetica di Grace Jones (1948) emerge grazie al sapiente lavoro della regista, capace di creare un’esperienza cinematografica di grande potenza, accostando a contrasto sequenze musicali, riprese più intime e materiale personale per ritrarre la persona che si nasconde dietro la maschera indossata dall’artista sul palco.

www.gracejones-ilfilm.it

CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.