Gli aspetti sociali e rituali del mondo della musica popolare sono stati spesso al centro del lavoro dell’artista inglese Turner Prize Jeremy Deller (Londra, 1966). In questo film, realizzato con Cecilia Bengolea nel 2016, una ballerina giapponese conosciuta col nome di Bom Bom, famosa per le sue particolari movenze, partecipa in Giamaica a un contest locale di musica dance. Il film si sviluppa tra assurde sequenze di danza e strani effetti speciali, in un’atmosfera surreale e con un’estetica assolutamente pop: una specie di Alice nel Paese delle Meraviglie in versione allucinata e contemporanea. “Il film è pensato per essere una specie di fantasia. La struttura onirica ci ha permesso di fare quello che volevamo. Ho pensato che fosse il modo più sicuro di lavorare in questo caso, perché non avevamo idea di quello che sarebbe stato il risultato finale. Abbiamo usato molto il green screen perché era molto difficile ottenere una versione pulita dei balletti in notturna. Dentro a uno studio invece è stato più semplice. È tutto molto astratto, alla fine. E la danza è molto più presente di quanto avessimo progettato”, ha dichiarato Deller in un’intervista rilasciata al magazine Dazed Digital.
Bom Bom’s Dream, di cui vi presentiamo un breve estratto, fa parte del programma del festival Lo Schermo dell’Arte e verrà proiettato in anteprima italiana presso il Cinema La Compagnia di Firenze il prossimo 19 novembre alle ore 19,10.

Dati correlati
AutoreJeremy Deller
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.