La prima puntata andò in onda il 19 aprile 1987 sulle frequenze americane della Fox. Da allora, la serie disegnata da Matt Groening ha totalizzato oltre seicento episodi e vinto ben 32 Emmy Award, il corrispettivo televisivo degli ambitissimi Oscar. Si festeggia quindi il traguardo dei trent’anni per i Simpson, la famiglia animata più famosa al mondo, che in Italia sbarcò solo nel 1991 trasmessa prima da Canale 5 e poi da Italia 1. La longevità della serie, di fatto il primo cartone animato per adulti della storia, si deve a un mix esplosivo di ironia, scorrettezza e capacità di raccontare il presente, condendo le storie con numerosi riferimenti all’attualità e all’universo culturale (cinema, musica, arte, spettacolo).
Festeggiamo l’occasione riproponendovi la puntata numero 19 della decima stagione, Mom & Pop Art, quella in cui un barbecue venuto male di Homer viene scambiato per un’installazione d’arte. In questo spezzone lo vediamo mentre visita il Museo di Springfield insieme a Marge, alla ricerca di ispirazione per nuove opere…

– Valentina Tanni

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.