Un videoclip che usa ingredienti molto semplici per costruire una vera e propria bomba visiva. Go Up, nuovo singolo del duo elettronico francese Cassius (featuring Cat Power e Pharrell) tratto dall’album Ibifornia, esce accompagnato da un video diretto da Alexandre Courtes che sta incantando tutti.
Il regista parigino ha messo insieme uno slideshow di immagini utilizzando scene differenti, dividendo lo schermo in due con un taglio netto in senso orizzontale oppure verticale. Le sequenze vengono generate mettendo insieme, in una sfilza di collage surreali, spezzoni di riprese totalmente scollegati tra loro. Un puzzle fatto di tessere che, una volta fatte combaciare, acquistano improvvisamente nuovo senso. Difficile da spiegare, godibilissimo da guardare.

– Valentina Tanni

CONDIVIDI
Valentina Tanni (Roma, 1976) è critica d’arte, curatrice e docente. Si interessa principalmente di new media art e di editoria multimediale. Ha curato numerose mostre, tra cui: la sezione di Net Art di “Media Connection” (Roma e Milano, 2001), le collettive “Netizens” (Roma, 2002) e “L’oading. Videogiochi Geneticamente Modificati” (Siracusa, 2003), “Maps and Legends. When Photography Met the Web” (Roma, 2010), “Datascapes” (Roma, 2011) e “Hit the Crowd. Photography in the Age of Crowdsourcing” (Roma, 2012), “Nothing to see here” (Milano, 2013), “Eternal September. The Rise of Amateur Culture” (Lubiana, 2014), “Stop and Go. L'arte delle gif animate” (Roma, 2016). Ha collaborato con i festival di arti digitali Interferenze e Peam ed è stata curatore ospite di FotoGrafia. Festival Internazionale di Roma per la sezione “Fotografia e Nuovi Media” (edizioni 2010-2012). Ha scritto per testate nazionali e internazionali e lavorato come docente per istituzioni pubbliche e private. Dal 2011 collabora con Artribune.