10 artisti, 10 intellettuali, 10 domande per l’arte contemporanea. Durante la scorsa edizione di Arte Fiera a Bologna, quando la città pullulava, come succede ogni anno, di eventi e mostre di ogni genere, si è svolto anche ICEcubes, un interessante ciclo di talk a cura di Milena Becci e Ilaria Medda. In una location inusuale, la gelateria pasticceria Tasta boutique, artisti, critici e pubblico si sono ritrovati per discutere di creatività, ispirazione, arte, identità e molto altro.
Karin Andersen, Filippo Berta, Paolo Bini, Giovanni Gaggia, Donatella Lombardo, Andrea Nacciarriti, Roberto Paci Dalò, Giuseppe Stampone, The Bounty Killart e Mona Lisa Tina sono stati invitati a parlare del proprio lavoro, iniziando l’incontro da una domanda in busta chiusa proveniente da un intellettuale da loro scelto e ben a conoscenza del loro vissuto professionale. I 10 intellettuali coinvolti sono: Claudia Attimonelli, Edoardo Bonaspetti, Martina Corgnati, Pietro Gaglianò, Alberto Mattia Martini, Maria Letizia Paiato, Davide Quadrio, Stefano Raimondi, Andrea Viliani ed Eugenio Viola.

Evento correlato
Nome eventoIceCubes
Vernissage27/01/2017 ore 16
Duratadal 27/01/2017 al 29/01/2017
AutoriRoberto Paci Dalò , Karin Andersen, The Bounty KillART , Giuseppe Stampone, Andrea Nacciarriti , Giovanni Gaggia, Mona Lisa Tina, Filippo Berta, Paolo Bini, Donatella Lombardo
CuratoriMilena Becci, Ilaria Medda
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoTASTA
Indirizzovia San Felice 4/E - Bologna - Emilia-Romagna
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.
  • oh ma che stanno a fotografà dentro er bar? Belle queste idee, peccato che non si esca mai dal recinto rassicurante dell’autoreferenzialità. Ok Filippo, orizzontalità, ma come fare le differenze tra il tuo contenuto orizzontale (i lupi che strappano la bandiera) e altri 6 miliardi di contenuti forse anche più significativi? L’orizzontalità muore senza le pubbliche relazioni…..un fallimento vero.