Ci sono dischi che non ascolterà mai nessuno e libri che verranno letti da cinquanta persone. Non ha importanza: un artista lo fa perché lo deve fare, lo fa per vocazione. Costruirsi un buon nome e tenerlo pulito, secondo Patti Smith, è il massimo obiettivo a cui puntare. Non scendere a compromessi, non preoccuparsi di fare soldi e avere successo, ma svolgere un buon lavoro, proteggerlo e prendere decisioni giuste. Un buon nome è la valuta di un artista. Essere un artista, un essere umano, di questi tempi è difficile: bisogna provare a mantenersi sani, a tenersi su di morale e seguire i propri obiettivi, una volta individuati. Non importa cosa sia, l’importante è conoscere i propri desideri ed essere consapevoli che sarà dura, perché la vita è davvero pesante: si perdono le persone amate, il cuore si spezza, qualche volta ci si ammala, qualche altra ci si arrabbia. Ma si possono avere anche le più straordinarie esperienze: nel giorno buono può bastare il cielo, oppure un lavoro che si trova particolarmente appagante o la scoperta dell’amore. Nel pacchetto della vita c’è anche la sofferenza: siamo nati col destino di morire e lo sappiamo, ha senso ammettere che ci saranno giorni felici e poi tutto comunque finirà. Bisogna imparare a convivere con questa consapevolezza. Alti e bassi fanno parte del gioco. Ma ne vale la pena.

– Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.
  • Whitehouse Blog

    Condivido, un bel messaggio per quelle persone (soprattutto giovani) che in Italia nell’ambito dell’arte, si comportano come politici, omettono, ostracizzano, giocano da piccoli mafiosetti. Ragionate.