“Va a parlare a un cinese del Mediterraneo, culla della civiltà” concludeva, con una predizione apocalittica, Tony Musante in Metti una sera a cena. Se avesse saputo che, invece di lanciare bombe atomiche sull’Italia, i cinesi avrebbero preferito convertirsi al Made in Italy, forse sarebbe stato meno negativo.
Si chiama Zhu Chongyun l’imprenditrice cinese che ha comprato il marchio Krizia ed è la terza donna più ricca e potente del Paese. Ex ingegnere, è la fondatrice dell’azienda Shenzen Marisfrolg Fashion e nei prossimi anni prevede il rilancio della griffe italiana con nuovi spazi mono marchio in mezza Cina, in Europa, Giappone e Usa. Per il suo primo esordio da erede sulle passerelle in febbraio, nello spazio Krizia di via Manin, si è celebrato il passaggio di testimone con un omaggio intimo al ricordo di Mariuccia Mandelli.

IMMOLARE LA MODA ALL’ALTARE DELL’ARTE
La stilista milanese, venuta a mancare di recente, è stata fra le prime ad aprire la moda all’arte e alla cultura. Durante una cena virtuale, trenta invitati hanno ricostruito la storia di Milano, attraverso le pareti che li ospitavano e dove negli anni si è discusso d’arte, di design, di letteratura e di moda. Racconti di aneddoti come quando, a sette giorni dalla morte, arrivò inaspettatamente Andy Warhol dopo la visita al “suo” Cenacolo pop. Tra i presenti alla serata Gillo Dorfles, Beppe Modenese e Giovanni Gastel, Mariuccia Casadio, Aldo Colonetti e Flavio Caroli: tutti a immaginare il futuro che si profila dopo l’acquisizione cinese. Ecco il video, in un elegantissimo bianco e nero dagli echi felliniani.

– Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.