Painted Oceans: i più famosi street artist e un progetto nel mezzo dell’oceano

Red Sand è nato come forte militare antinazista, è stato poi sede di radio pirata e serie televisive. Adesso, i migliori street artist lo vogliono restaurare per portarne la storia alle nuove generazioni.

Nel 1943 l’esercito inglese costruì tre forti al largo dell’estuario del Tamigi, finalizzati alla difesa contro gli attacchi tedeschi. Negli anni ‘60, questi forti sono diventati la base di alcune delle più note radio pirata inglesi, oppure set per serie televisive di successo (nel 1968, per esempio, vennero girati i sei episodi che costituirono la storia Fury from the deep, parte della quinta stagione della serie TV Doctor Who).
Adesso che un gruppo – formato dai più grandi street artist mondiali – ha ottenuto l’approvazione per il restauro e la decorazione murale del più famoso dei forti, Red Sand, è partita su Kickstarter la campagna per la raccolta dei fondi necessari a terminare l’operazione. Una volta raggiunto l’obiettivo, Tristan Eaton, Shepard Fairey (noto per essere finito sulla copertina del Time con Obama Hope), Futura 2000, How e Nosm e The London Police dovranno usare tutta la loro esperienza e molto coraggio per affrontare le alte onde del Mare del Nord, agganciati a funi di sicurezza, per il progetto più ambizioso della storia della street art.
Il tutto sarà documentato attraverso un film, mentre i progressi dell’operazione verranno diffusi mediante una campagna digitale continua – anche sui vari canali social – aggiornata in tempo reale, con la pubblicazione finale di un libro. Quando gli artisti avranno compiuto l’intero restyling delle strutture, si festeggerà con un party per la stampa e i vip, mentre sul Forte sarà lanciata una nuova emittente radio. Seguirà infine la programmazione di attività per il pubblicom con mostre e proiezioni. Qui vi proponiamo il video che Tristan Eaton e i suoi colleghi hanno diffuso via Kickstarter.

– Federica Polidoro

www.kickstarter.com/projects/paintedoceans/painted-oceans-painting-the-red-sands-sea-forts

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.
  • Angelov

    a quando i graffiti su Marte? o sulla Luna, che è a più portata di mano?
    non se ne vede l’ora…

    si diceva “imbrattatele”,
    forse ora “imbrattamuri”
    ovvero decora-divismo al suo meglio