Era stato presentato in anteprima mondiale all’ultimo Festival di Cannes, Il piccolo principe, dove era tra i film più attesi insieme con Mad Max: Fury Road. Arriva finalmente anche in Italia, grazie a Lucky Red, doppiato dai migliori attori del cinema italiano. Le voci familiari di Toni Servillo, Paola Cortellesi, Stefano Accorsi, Micaela Ramazzotti, Alessandro Gassmann, Giuseppe Battiston, PIF, Angelo Pintus e Alessandro Siani accompagnano in un viaggio incredibile attraverso spazio e tempo. Il film è una storia di amicizia, ma anche di riscoperta dell’infanzia, quando l’immaginazione governa la mente e tutto è possibile.

Il percorso per adattare il classico di Saint-Exupéry in un moderno film di animazione ha avuto inizio oltre otto anni fa, quando i produttori francesi Aton Soumache, Dimitri Rassam e Alexis Vonard hanno avuto il via libera da Olivier d’Agay, presidente della Fondazione per la gestione del Patrimonio Saint-Exupéry. “Sentivamo l’enorme responsabilità di dover rendere giustizia a un capolavoro senza tempo, amato da tantissime persone in tutto il mondo”, racconta Soumache. “Chiunque legga il libro si fa un’idea molto personale del Piccolo Principe e del suo mondo, per cui non è possibile trarne un adattamento fedele e pedissequo. Ciascuno di noi ha sviluppato un legame molto personale con quest’opera. Era quindi molto importante trovare un regista che potesse proporla utilizzando un approccio totalmente nuovo e originale”. Il produttore Dimitri Rassam voleva “che il team creativo rispettasse gli elementi fondamentali del libro, così conosciuto e amato in tutto il mondo, offrendone allo stesso tempo una versione divertente e coraggiosa”.
Qui trovate due clip estratte dal film: secondo voi sono riusciti a rendere giustizia all’opera originale?

– Federica Polidoro

www.ilpiccoloprincipe-ilfilm.it

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.