Il 25 febbraio arriverà nelle sale italiane Anomalisa, uno dei film più controversi all’ultimo Festival di Venezia, dove ha vinto il Gran Premio della Giuria. Si tratta di un’opera in stop motion per adulti, sceneggiata da Charlie Kaufman e co-diretta insieme con Duke Johnson, che si è occupato principalmente dell’aspetto tecnico. Noi i due li abbiamo incontrati proprio in laguna a settembre, quando ci hanno raccontato le loro vicissitudini produttive.

Anomalisa è stato pensato come piece teatrale inizialmente e poi adattato per la stop motion. Il progetto è stato lanciato su Kickstarter dove ha superato la più rosea previsione d’incasso, per finire nelle mani delle Starburns Industries che, da mediometraggio, l’hanno trasformato in un lungo. I percorsi mentali del protagonista s’incontrano con quelli dei singoli spettatori, in un gioco di messe in abisso abbastanza schizofrenico da mandare in panne il più equilibrato degli esseri umani.

Anomalisa, film d'animazione in stop-motion diretto da Charlie Kaufman e Duke Johnson
Anomalisa, film d’animazione in stop-motion diretto da Charlie Kaufman e Duke Johnson

A raccontarla, la sinossi sembra molto più semplice: Michael Stone, un autore di libri di successo sul servizio clienti è solo in un mondo dove qualsiasi altro individuo è identico agli altri. Un giorno incontra una persona, che per un attimo gli fa cambiare la sua visione della vita…
Le straordinarie musiche di Carter Burwell completano il quadro.
Adesso il film è candidato ai Critics Choice Awards, agli Annie Awards, agli Indipendent Spirit Awards, ai Golden Globes e scommettiamo che sarà anche nella cinquina degli Oscar. Intanto che arriva febbraio, ecco il primo trailer ufficiale italiano. Godetevelo tutto.

– Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.