L’Arte è tutta contemporanea. Un claim diretto ed eloquente per Flashback, che torna al Pala Alpitour Isozaki di Torino dal 5 all’8 novembre 2015, con 35 gallerie e una proposta che spazia dal Novecento fino all’arte antica. Non solo nuove tendenze, dunque. Non solo artisti giovani o guru dell’attuale scena internazionale, nei giorni di Artissima e di The Others. Questa fiera alternativa ormai rodata, diretta da Stefania Poddighe e Ginevra Pucci, sceglie di occupare un segmento diverso, prezioso ed irrinunciabile, optando per una comunicazione che giochi con l’idea di una contemporaneità provocatoriamente estesa. Un modo per dire che l’arte è sempre viva e presente, ma anche per ribadire – con un altro celebre aforisma –  che all art has been contemporary. Ciò che oggi è storia ieri era avanguardia.

Giunta alla sua terza edizione, Flashback dà spazio ad autori monumentali della prima metà del Novecento, tra futuristi come Carrà e Russolo, metafisici come de Chirico e Savinio, passando per il realismo magico di Casorati o l’informale di Afro, Vedova, Turcato. Un’attenzione speciale è dedicata a Carol Rama, straordinaria outsider della pittura, scomparsa a quasi 90 anni lo scorso 25 settembre.
Le opere d’arte antica, che restano il cuore della fiera, disegnano attraverso i corridoi una sorta di grande atlante della storia dell’arte, passano in rassegna tutte le epoche, i linguaggi e le geografie, dall’Oriente del XII secolo fino alle preziosità fiamminghe e ai maestri del Rinascimento italiano.
Tra i progetti speciali la mostra La vita in un archivio, incentrata sulla pratica del collezionismo, spesso originata da una passione e poi tramutatasi in progetto, la project room Niente da vedere niente da nascondere, che raccoglie opere di artisti italiani degli anni Sessanta, la rassegna Energia Cinetica: Cinema d’avanguardia o Videoarte?, il ritorno del progetto dell’artista Alessandro Bulgini, Flashback è Opera Viva, le visite guidate Flashback storytelling e le performance musicali di Energia Sonora: sound program.

Video di Alessio Lavacchi
Produzione: Artribune Television per Flashback

www.flashback.to.it

 

 

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.