Un documentario in due puntate, che attraverso spezzoni rubati per strada, durante dei cantieri o nel corso di convention e assemblee, prova a fornire uno spaccato variegato della street art romana. Firmato da David Capone e prodotto dalla webzine Dioniso Punk, il progetto procede per frammenti e associazioni random, fra interviste e riprese di murales in progress. Dopo il primo episodio pubblichiamo anche l’altro, in cui si intrecciano temi di natura teorica e sociale, legati alle evoluzioni e le dinamiche interne dei linguaggi urbani underground, del writing e del muralismo, e temi più propriamente creativi, inerenti la ricerca e l’approccio di diversi protagonisti della scena italiana ed internazionale. A farsi intervistare, tra gli altri, sono: Solo, Gaia, Diamond, 0707, Maupal, Best Ever, Bol23, Jerico, Guerrilla Spam, SetOne.

Nel corso del video, un lungo, suggestivo frammento lascia scivolare angoli di città brulicanti di giovani, di graffiti, di esplosioni cromatiche e di segni che identificano una specie di tribù, tanto eterogenea quanto coesa nell’urgenza di critica al sistema. Sul fondo, straniata e calzante, una voce calda scandisce alcuni passi da “Il Caos” di Pier Paolo Pasolini: “Dalla finestra, fin quassù all’ottavo piano, arrivano le grida degli studenti. Grida disordinate, discordanti; convenzionali, perché le grida dei dimostranti hanno anch’esse un codice: uno schema, con cui “portare” all’unisono la voce; perciò, da lontano, le grida di ogni manifestazione di piazza sono uguali; ma la lontananza corregge, filtrandola attraverso lo spazio, così indifferente al senso di quelle grida di protesta, la loro scompostezza convenzionale e un po’ volgare; le rende dolorosamente misteriose; come venissero da un altro mondo; da un altro tempo; eh, già: da lontano, le grida dei dimostranti, oltre che essere tutte uguali fra loro nel tempo presente, sono anche uguali a quelle del passato; e queste potrebbero essere grida di antichi fascisti: o di dimenticati partigiani…”

Helga Marsala

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.