Un incubo nero, vischioso, opprimente. L’immagine della catastrofe, come una colata di lava nera. Nel mare di petrolio scompare il paesaggio: si avvera il presagio della devastazione  finale. L’unica risposta possibile, prima che sia tardi, è nell’azione comune, nella capacità di opporre una qualche forma di resistenza allo scempio. Fosse pure – simbolicamente – un ritorno alla natura, un canto per richiamare gli uccelli, un’invocazione perché il cielo torni terso.
Da qui parte il nuovo video di Gea Casolaro, di cui vi avevamo raccontato i dettagli in occasione dell’anteprima al Lucania Film Festival.

Realizzato in Basilicata nel corso della residenza d’artista legata al progetto Art About Oil – 20 giorni fra Matera e Pisticci, su invito delle associazioni culturali Allelammie e Casa Netural, di IAC e SassieMurgia – “Prima che la notte duri per sempre” è un’opera dedicata al territorio lucano e all’annosa questione dello sfruttamento petrolifero che minaccia l’integrità dell’ambiente. E che continua a vedere in prima linea, con l’appoggio delle autorità, un’azienda statunitense: le trivellazioni non cessano e i residenti vivono questa lunga storia di colonizzazione come un abuso, come una violenza autorizzata.
Il film ha visto la luce grazie al supporto di privati cittadini, aziende locali ed artigiani,  qualificandosi come opera partecipata, voluta dalla collettività e sentita in maniera forte, allargata, per via del suo alto valore simbolico.  Lo presentiamo, per la prima sul web, nella sua versione integrale.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.