Con la colonna sonora del film “The Dark Valley” (Das finstere Tal, 2014), diretto da Andreas Prochaska, si sono conquistati il prestigioso Vienna Filmmusic Award 2015. Adesso, il collettivo viennese Strange Freedom lancia “Birthlight”, il suo primo lavoro filmico, in cui immagine in movimento e suono descrivono un unico viaggio poetico. Otto minuti e mezzo di magia, per uno short film che guarda alla videoarte per spalancare un paesaggio mozzafiato, sospeso tra evocazioni alchimiche e acrobazie luminose. Nel nero di fondo, che è come mercurio, linfa organica o magma galattico, prendono vita processi chimici e spostamenti molecolari, lungo un’esplorazione intima della materia.

Accelerata, poi lentissima, la video narrazione procede tra evaporazioni, cristallizzazioni, inondazioni, fusioni e dissolvenze, come guidata da un’orchestra di alambicchi e microscopi. Sincronia perfetta con la partitura musicale, una composizione elettro-acustica d’effetto, che rivela tutta la maestria di questo team sperimentale, fondato da Almalyn Griesauer: accanto a lui Michael Willer e Robert Stefan per la parte musicale, Christian Stangl per la ricerca visuale.

Helga Marsala

www.strangefreedom.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.