Tutti soddisfatti per Nanni Moretti, accolto bene dalla stampa estera. Il regista, dal canto suo, apprezza la serietà della kermesse e il rispetto per il cinema che il Festival di Cannes esprime, al di là delle celebrazioni glamour. “Mia Madre” è stato giudicato comunque un film minore, per la sua compostezza, il minimalismo e la sobrietà. E almeno per ora, l’assegnazione di una seconda Palma d’Oro al nostro regista sembrerebbe improbabile. Più plausibili un premio per la regia o uno per la migliore interpretazione a Margherita Buy, ma è ancora troppo presto per vaticinare.

Tra i giornalisti cresce il disappunto per la debolezza della line up, sensazione che culmina con “The Sea of Trees” di Gus Van Sant: un inspiegabile scivolone, tanto del regista quanto dello sceneggiatore e dei protagonisti. La pellicola determina infatti la fine del momento d’oro di McConaughey, che in scena dà una prova nient’affatto personale. Mentre il ruolo di Watanabe, che interpreta un demone della foresta, è retorico ai limiti del sostenibile, così come i commenti sonori. Nessuna sorpresa se il pubblico è insorto sui titoli di coda.

Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.