Bellissime, severe, super femminili e algide. Amazzoni fashion e dominatrici senza scrupoli. Le donne immaginate da Ace Norton per questo nuovo fashion film si muovono tra crudeltà e ironia, tenendo al guinzaglio uomini e cliché: sessismo estremizzato e capovolto, nell’immaginario avvento di una supremazia sado-femminista.
Non sbaglia un colpo Norton, con i suoi applauditissimi video studiati per la moda, frutto di un innesto tra cinema, videoarte e comunicazione commerciale. Per questo progetto, che presenta la collezione autunno-inverno 2015 di Rihé, il regista statunitense allestisce un set folle, negli spazi di una villa extra lusso, abitata da un piccolo gineceo di elegantissime mistress.

Il sadismo sta tutto nel rapporto con gli uomini, ridotti a schiavi, camerieri, bestioline da compagnia, costretti a subire piccole mortificazioni quotidiane, a pulire casa, a servire senza fiatare e a tenersi in forma, per non perdere l’appeal da palestrati.  Maschi in cattività, sottomessi a diaboliche femmine anaffettive e vendicative. Talmente horror da diventare spassoso, cavalcando la linea del grottesco.
E tra uno sguardo assassino, un collare borchiato, due flessioni e una seduta in beauty farm, l’occhio cade sugli outfit Rihè: nulla che rimandi al gusto dark, ad estetiche sado-maso o a uno stile iper sessualizzato.   Eleganza bon ton, linee scivolate e colori accesi, per gelide signore borghesi, cittadine di un “paradiso” all’incontrario.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.