Con il nuovo singolo The Road, dall’album “Come Out! It’s Beautiful”, il francese Clément Daquin, meglio conosciuto come ALB, azzecca sound e videoclip. Il pezzo scivola fresco e lieve come una corsa electro-pop tra reminiscenze 80’s, dolcemente inzuppate di nostalgia: patina romantica e struggimenti in rewind, conditi da strette allo stomaco e da piacevoli psico-discrasie.
Il video è affidato alla regia di Julien Lassort e all’abilità di un gruppo di motion designers: Loïs de Cornulier, shoobAKA, Abel Reverter, Phong Luong, Bérengère Morel, Benjamin Guillaume, oltre allo stesso Lassort.

Solo bianco e nero super grafico, contrastatissimo ed essenziale, per quasi quattro minuti di progressione infinita lungo una dream-road notturna: strada lastricata di memorie, mixate con l’immaginazione, da percorrere senza soste. L’inarrestabile carrellata di forme e figure inquiete, partorite dal subconscio, non concede tregua: corvi minacciosi,  mannaie in azione, squarci nell’asfalto, chiese che crollano, donne senza veli, pali della luce come croci, piantati ai bordi di strade solitarie. E ancora giochi optical, vortici, mani perforate, volti, teschi, costellazioni. Un viaggio ipnotico, in cui perdere le coordinate, gustandosi il sottile piacere dell’angoscia. Lungo la linea che unisce e separa il presente dal passato, la percezione del ricordo dalla progressione onirica, la leggerezza dalla malinconia.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.