Stanze in penombra, lei al pianoforte, il sole che filtra basso, al di là dei vetri che danno in giardino. Fotografie e ricordi, mentre le mani si muovono sulla tastiera: case barocche, velluti, corse in autostrada a bordo di una cabriolet, i lunghi boulevard trafficati, gli alberi e le luci di notte, scrivere parole, inventare accordi, godersi il tramonto. E mischiare, in un film, appunti di viaggio e immaginazione.

Lei è la splendida Lykke Li, star dell’electro pop svedese, cantautrice dall’ugola di miele, qui scelta come testimonial della Lady Web di Gucci, borsetta rettangolare dal sapore vintage, a cui la maison ha dedicato un raffinato short film, tutto costruito intorno all’eterea performer. La colonna sonora del video è il brano Just like a dream, gli abiti sono – naturalmente – griffati Gucci e arrivano dalla collezione Spring-Summer 2015. Perfetti per il personaggio romantico interpretato da Lykke Li, perduta in una calda primavera losangelina.

Non la prima incursione nel mondo della moda, per lei: nel 2014 aveva disegnato una capsule collection per il super brand svedese & Other Stories, completa di abiti, scarpe, borse, gioielli. Tutto in bianco e nero, tutto incentrato sulla triade perfetta: qualità, praticità, essenzialità. Il guardaroba  ideale per una viaggiatrice incallita, incapace di rinunciare  al gusto, nonostante lo stress delle tournée.
Anche in quel caso Lykke Li prestò la sua immagine per un fashion film che lanciava il progetto. Stesse atmosfere sognanti, stesso taglio urban-romantic, stessa immancabile presenza del pianoforte. Con la sua musica sullo sfondo: scene da un tour, tra il palco ed il backstage, consumando chilometri con una sacca in spalla. Dentro, in pochi capi ed accessori, il senso dello stile e del comfort. Altre storie, altre canzoni, altre contaminazioni.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • angelov

    e chi non veste con noi
    nudismo lo colga…