Un’edizione pilota che ha visto protagonisti Yuri AncaraniGiuseppe FanizzaZimmerFrei Francesco Bertocco, chiamati a lavorare sulla resa artistica dei processi che si nascondono dietro il prodotto televisivo. Con buoni risultati. Se è vero che da questo input è nato il San Siro di Ancarani, finalista al Premio MAXXI. Ora la seconda edizione, o se vogliamo, la prima vera e propria: Chiara Agnello di Careof DOCVA ci spiega come funziona ArteVisione, programma di sostegno alla videoarte italiana, realizzato dallo spazio milanese e da Sky Italia, nell’ambito delle azioni di social responsability che il network conduce…

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.