Video e intervista di Francesco Sala
Produzione Artribune Television

“Le immagini scompaiono e riappaiono: e in un certo senso si può usare questo fenomeno per spiegare come le cose stesse appaiano e scompaiano per ciò che esse sono. È un concetto che prendiamo dalla psicanalisi, quando diciamo che il corpo prende forma nel momento in cui riconosce se stesso come esistente. È allora che esiste”. È riduttivo limitare l’esperienza di Tunga (Palmares, 1952) alla sola arte visuale: l’artista brasiliano, tra i più importanti della sua generazione, è un intellettuale a tutto tondo; nobile pensatore che traduce in forma plastica, tra sculture ed enigmatiche installazioni, una concezione della creatività che nasce dal confronto con la lezione del Surrealismo. Per declinarsi secondo linguaggi di squisita originalità.

In collezione al LACMA, al Moderna Museet di Stoccolma e al Reìna Sofia arriva per la sua prima personale italiana a Torino, negli spazi rinnovati della Galleria Franco Noero.
L’abbiamo incontrato nei giorni di Artissima, per chiacchierare insieme della sua arte ma anche – in senso lato – della scena brasiliana. Come al solito frizzante e seducente.

Francesco Sala

http://www.franconoero.com/

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.