Gli auguri per un buon 2015 ve li vogliamo fare così. Con una piccola favola animata, raccontata dal raffinatissimo segno grafico di Wonsuk Choi, per la regia di Minhyuk Jang. Bianco e nero onirico, carico di malinconia e di delicatezza, in un video che scorre come uno sketch-book, narrando, pagina dopo pagina, il sogno di un bambino coreano, innamorato della luna.

Un unico sguardo incantato, tra gli orrori della guerra e la vita semplice di un villaggio, continuando – prima bebè, poi scolaretto, poi ragazzino – a fissare quel disco luminoso sospeso tra le stelle. E a immaginare come poterlo toccare. Aeroplanini di carta, piccoli razzi, stormi di aerei, missili… Un arsenale fantastico e insieme reale, per riscattare la paura, la miseria, la monotonia o la banalità, trasformando la terra in un posto diverso, da osservare a cavalcioni del satellite candido. Prima o poi.
Splendida l’animazione, tenero il racconto, con tutte le sue metafore sottili, per un’opera che vale la pena “sfogliare”. Salutando il nuovo anno con i piedi per terra e gli occhi all’insù, in direzione del cielo.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.