C’è un punto preciso, uno soltanto, in cui la visione si fa destino, generando una sintesi. Il punto in cui l’occhio indovina l’immagine. E rimette insieme i pezzi. Felice Varini lo chiama “punto di partenza potenziale”. Un luogo di certezza e insieme di liberazione: da qui, proiettando lo sguardo in avanti, la giostra di frammenti lineari e di geometrie tonali si srotola sui muri, come un collage inquieto. E realizza, magicamente, la sua forma: oggetto effimero e monumentale, in stato di disequilibrio costante.
Tutt’intorno c’è lo spazio. Le pareti, il soffitto, il pavimento, le scale, le stanze, e la possibilità di camminarvi in mezzo, seguendo quelle linee e quei colori. La forma sboccia, si scompone, si dischiude e si rimette in gioco. Alimentando percezioni sempre nuove. Fin quando il visitatore non torna lì, nel punto esatto:  l’apertura, l’appiglio, la mappa e l’apparizione.

È questo che accade, più o meno, nella nuova galleria di Studio Trisorio, a Napoli, dentro le scuderie di Palazzo Ruffo Ulloa di Bagnara. Qui Varini ha realizzato dei wall painting site specific, a partire da due marcatori dello spazio: due capitelli, posti uno di fronte all’altro, divenuti i confini visivi di una grande composizione centrale, risolta in un incastro di curve, rette, angoli, campiture piatte. Unicamente blu, rosso e giallo, distesi nel bianco assoluto dell’ambiente. A realizzarsi è una scrittura irregolare di pattern, che avvolge, orienta e insieme disorienta, tendendo a un ordine che resta sul filo. Tra l’esplosione e l’implosione, tra una forza centripeta e una centrifuga.
Ed è l’architettura stessa, come racconta Varini, a farsi pittura. A innescare una danza di gesti incompiuti e di segni. Laddove la visione e il passaggio, il ritmo e la stasi, il frammento e l’unità, convivono dialetticamente. In un moto perpetuo.

Helga Marsala

Napoli // fino al 20 novembre 2014
Felice Varini
STUDIO TRISORIO
Riviera di Chiaia 215
081 414306
[email protected]
www.studiotrisorio.com

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.