Giovane e frizzante Ch.ACO, la fiera d’arte contemporanea di Santiago del Cile. Sentinella di un mercato in crescita e di una scena che ha i suoi mentori tra quanti hanno saputo ritagliarsi spazi importanti sulla scena internazionale (il “solito” Alfredo Jaar, ma anche Ivan Navarro). A margine della sesta edizione, ospitata nella suggestiva cornice della Stazione Mapocho, abbiamo chiesto alla direttrice della fiera, Elodie Fulton, di farci un ritratto della sua creatura, senza tralasciare punti deboli e margini di miglioramento; e di ampliare lo sguardo per una valutazione della situazione artistica locale.

In riferimento al mercato, com’è ovvio, ma anche alla natura di un sistema che prova ad arginare il fenomeno della “fuga dei cervelli”, cercando di sostenere in loco il lavoro degli artisti e di esorcizzare così le frequenti migrazioni verso New York. Come contraltare le parole di tre galleristi, un campione che ci aiuta a valutare Ch.ACO attraverso tre coni ottici differenti per provenienza, gusto e tradizione. In rigoroso ordine di apparizione abbiamo il brasiliano Eduardo Brandão (Galeria Vermelho), la spagnola Begoña Martínez Deltell (Aural) e la cilena Yael Rosenblut (Yael Rosenblut Gallery).

– Francesco Sala

www.feriachaco.cl

CONDIVIDI
Francesco Sala è nato un mesetto dopo la vittoria dei mondiali. Quelli fichi contro la Germania: non quelli ai rigori contro la Francia. Lo ha fatto (nascere) a Voghera, il che lo rende compaesano di Alberto Arbasino, del papà di Marinetti e di Valentino (lo stilista). Ha fatto l'aiuto falegname, l'operaio stagionale, il bracciante agricolo, il lavapiatti, il cameriere, il barista, il fattorino delle pizze, lo speaker in radio, l'addetto stampa, il macchinista teatrale, il runner ai concerti. Ha una laurea specialistica in storia dell'arte. Ha fatto un corso di perfezionamento in economia e managment per i beni culturali, così sembra tutto più serio. Ha fatto il giornalista per una televisione locale. Ha condotto un telegiornale che, nel 2010, ha vinto il premio speciale "tg d'oro" della rivista Millecanali - Gruppo 24Ore. Una specie di Telegatto per nerd. E' molto interista.