Sullo sfondo c’è l’estetica nomade, iper-tecnologica, postmoderna, ironica e irriverente degli Archigram. Una radicalità visionaria, pregna anche di riferimenti futuristi, che lo studio britannico di design e arte digitale, fondato da Matt Pyke nel 2004, prende come spunto per un video dal titolo Walking City, appena premiatodal Festival Ars Electronica di Linz (4-8 settembre 2011) per la  sezione “Computer Animation / Film / VFX”.

Il titolo arriva direttamente da un celebre progetto di Ron Herron, una delle menti di Archigram, sfornato nel 1964. Le sue Walking City erano delle città utopiche, concepite come sciami di edifici meccanici, specie di monumentali coleotteri abitativi, alti quaranta piani e dotati di zampe telescopiche, in grado di spostarsi come cellule nomadi: aggregandosi, mutando luogo e forma, generando colonie sempre nuove, i giganti di Herron incarnavano l’idea di una città in transito, consacrata al progresso e al cambiamento, senza radici, sprofondata nella propria dimensione tecnologica che ne definiva, da sola, identità, destini e sviluppo.
Da qui nasce il fortunato video di Universal Everything, semplice nella struttura quanto complesso nella realizzazione grafica.

Archigram, Walking City
Archigram, Walking City

L’inarrestabile camminata di una figura dalle fattezze umane, stagliata su un fondo neutro, mette in scena una trasmutazione infinita tra geometrie tridimensionali, concrezioni dinamiche, articolazioni e disarticolazioni di linee, piani, angoli. Il corpo stesso non è che un’architettura organica in movimento, in un gioco di passaggi di stato e di struttura. Solido, molecolare, ridotto in polvere, fluido, sferico, pulsante, svettante… Senza arrestarsi mai, lungo il suo cammino retto.
La soundtrack di Simon Pyke rafforza l’andatura ritmica e il fascino sintetico di  un’immagine che, dalle morfogenesi di Umberto Boccioni alle nuove sperimentazioni della grafica 3D, passando per le utopie di Archigram, traccia una linea continua e articolata tra architettura, scultura e design, arrivando fino all’immagine in movimento e ai nuovi media elettronici.

http://www.aec.at/
http://www.universaleverything.com/

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.