Expo 2015, come non l’avete visto mai. Dall’alto, planando su Milano, con uno sguardo a volo d’uccello che porta fin dentro i cantieri. Il progetto si chiama “Belvedere in città” e a realizzarlo, insieme all’Esposizione Universale, è Telecom Italia: una maniera decisamente suggestiva per consentire a tutti di seguire lo stato di avanzamento dei lavori, con aggiornamenti settimanali.
A registrare le immagini video sono dei droni, sospesi sull’area del work in progress, in cui sta prendendo forma – tra lentezze e intoppi burocratici-giudiziari – il colosso culturale atteso tra meno di un anno e dedicato al grande tema del food.

L’appuntamento con questa finestra speciale, che fornisce un punto d’osservazione privilegiato e democratico, è fissato per ogni lunedì del mese, da qui ad aprile 2015. Le immagini registrate dai droni, guidati da piloti certificati, saranno poi pubblicate in rete, sulla pagina Facebook TIM4ExpoOfficial, sul sito ufficiale e sui canali social di Expo Milano. Il primo video è già disponibile dal 22 settembre.
Alla base l’idea di una smart city efficiente, tecnologica, intelligente, improntata alla comunicazione. Senza dimenticare il fattore “trasparenza”, particolarmente sentito in un momento di forte tensione, legato alle vicende di corruzione e ai preoccupanti rallentamenti dei cantieri, che hanno tristemente connotato la vicenda Expo. Insomma, si prova a raccontare questa avventura, day by day, coinvolgendo al massimo – anche con la forza delle immagini e l’aiuto di sistemi hi-tech – cittadini, partner, ospiti, investitori. Un Expo di tutti, per tutti, da monitorare e seguire, appassionandosi all’evento. E iniziando il conto alla rovescia. Con le dita rigorosamente incrociate.

Helga Marsala

www.expo2015.org

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.