Ladro, collezionista, supereroe. Nonchè gourmand, dai gusti decisamente originali. Un tipo bizzarro, nella New York degli anni Cinquanta, avvezzo ad aggirarsi tra le sale dei musei e a sgattaiolare tra i vicoli deserti, nel cuore della notte. E’ così che Léo Verrier, in un suo corto animato, immagina Jackson Pollock. Una leggenda del secondo Novecento, massimo esponente dell’action painting americana, inventore del dripping, qui tramutato in un buffo omino magro magro, solitario ed un po’ matto, abbigliato in perfetto stile casual-bohemien. Un artista icona, cresciuto negli anni del depoguerra e del grande exploit creativo newyorchese. Ma che Verrier, con una costruzione fantastica, immagina nella fase iniziale, come in un insolito prequel: nel suo delirante micro film muto – scandito da morbide armonie e contrappunti jazz – l’autore racconta di quello strano ragazzo che divenne Jakson Pollock. Per caso.

Jackson era un ladro. Rubava decine di tele d’autore, riuscendo a seminare guardiani e poliziotti. Le sistemava nel suo appartamento, in una stanza-quadreria, e poi le divorava. Ad ogni morso una mutazione genetica transitoria. Ingurgitando strati e strati di pittura, si trasfiormava di volta in volta in una creatura cubista, surrealista, espressionista… Il suo nettare magico era l’arte, quella degli altri, da cui ricavava potere, cambiando pelle ad ogni quadro. Poi, quando provò a cimentarsi con tele e pennelli, accadde l’imprevisto. Smaterializzatosi in un’esplosione di schizzi di colore, trovò se stesso in una forma pittorica che nessuno aveva visto mai. E finì lui, stavolta, tra le pareti di un museo. Lasciando traccia del suo corpo inquieto su ogni tela.
Metafore semplici, per raccontare un personaggio unico, in una storiella sospesa tra fantasy, poliziesco, biopic e commedia. Restituita con un bel segno grafico, carico di suggestioni d’antan.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Alfonso Leto

    Davvero bellisssimo!