Il sabato del primo weekend è in compagnia di Al Pacino. Alla veneranda età di 74 anni il divo arriva in laguna con due film in e fuori concorso. Un Barry Levinson arrugginito firma The Humbling, prodotto tra gli altri dal nostro Andrea Iervolino. Girato in economie e tempi stretti è esteticamente poco appetibile. In Manglehorn di David Gordon Green, Pacino è un misantropo un po’ speciale, capace di fare piccole magie. Finite le proiezioni, tempo di cocktail. Grey Goose, la vodka del Festival del Cinema, e lo chef Filippo La Mantia si incontrano alla GQ House per un esperimento culinario…

– Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.
  • Mandarel

    Sicuramente due film da seconda linea per Pacino