The Silent Conversation, prodotto da Dazed, è l’ultima fatica del regista londinese William Williamson. Uno short film che indaga il tessuto sociale del Pakistan, sfruttando la suggestione di immagini catturate per strada, cucite insieme dal tepore di una voce femminile fuori campo. Dieci giorni di permanenza nella città di Lahore, cercando di penetrare le maglie di una società complessa, in divenire, stritolata fra una millenaria tradizione e una spinta controversa incontro alla modernità, nel cuore di una zona calda che vede il Pakistan confinare con l’Iran , l’Afghanistan, l’India e la Cina.
Appunti di viaggio in una terra difficile, al margine di una storia di violenze, disordini, sopraffazioni, legata a due lunghe dittature militari a forte connotazione islamica, con la recentissima nascita di uno Stato federale civile e un travagliato cammino in atto verso una nuova identità politica, economica, culturale. Una sfida difficile, per un Paese con una popolazione di 179,2 milioni di persone, con un profilo fortemente conservatore, e con oltre sette diversi gruppi etnici e tre religioni: una cacofonia di idee, stili, costumi, tradizioni, ancora in lotta per trovare una forma unitaria improntata alla coesione civile e alla democrazia.

Williamson osserva tutto questo da outsider, soffermandosi su aspetti apparentemente superficiali: segnali, collocati nello spazio eloquente e silenzioso dell’immagine, dell’estetica, della comunicazione, attraverso cui provare a leggere un tale groviglio antropologico, nel mezzo di un infuocato passaggio storico. Lo stile e l’abbigliamento diventano così un indizio prezioso per l’osservazione e la comprensione di un paesaggio umano variegato e molteplice. “L’obiettivo”, racconta il regista, “era quello di esaminare il modo in cui il vestito gioca un ruolo fondamentale nell’espressione di sé. Il modo in cui ci presentiamo dal punto di vista “sartoriale” rappresenta una parte fondamentale di tutto ciò che è umano. Mi affascinava l’idea che indossare un pezzo di stoffa è comune a tutte le culture e che siamo in grado di possedere la nostra identità attraverso il nostro vestito. Mi piace il modo in cui questo incarni l’unità, ma anche la ribellione”.

William Williamson, The Silent Conversation
William Williamson, The Silent Conversation

Unità e ribellione. Ovvero: sondare lo spirito di appartenenza e insieme l’emergere di istanze di rottura, lasciandosi guidare dalla semiotica dell’abito. Le  contraddizioni, le stratificazioni culturali, i desideri, le metamorfosi, i tradimenti, gli estremismi, raccontati da una forma, un tessuto, un colore, una funzione. E così guardare le nuove generazioni,  in corsa verso la conquista di un futuro diverso, fatto anche di libertà e di creatività, ma fortemente intrecciato con un background tradizionale invasivo: ne vengono fuori singolari contaminazioni tra urban style contemporaneo e vecchi cliché,  tra locale e globale, tra oriente e occidente, tra invincibili radicalismi religiosi e nuove istanze di tolleranza.
Ma l’esempio più forte, catturato dalla telecamera di Williamnson, è quello dell’immagine di una giovane donna poliziotto: la divisa delle forze dell’ordine, per la prima volta declinata al femminile, è un messaggio più forte di qualunque manifesto politico.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.