Pochi come lui, in Italia, possono testimoniare il senso di quell’incontro felice tra mondo della creatività contemporanea e mondo dell’impresa. Marcello Smarrelli, direttore artistico del Pastificio Cerere di Roma e curatore di moltissime iniziative tra arti visive e architettura, è anche il responsabile dei progetti culturali della Fondazione Ermanno Casoli di Fabriano. Progetti che, da un po’ di anni a questa parte, stanno avvicinando la ricerca di artisti delle ultime generazioni con la realtà del lavoro in azienda. Workshop, mostre, percorsi di ricerca, tra produzione, formazione, vita quotidiana negli spazi di lavoro, coinvolgimento di manager e impiegati. Una maniera per sviluppare un pensiero critico che attraversi, con forme e approcci inediti, il quotidiano delle persone: le loro relazioni, la loro immagine del mondo, la loro maniera di vivere gli spazi professionali, i ruoli, i talenti e le attitudini, le regole e le passioni.

In occasione della seconda lezione del progetto All is New in Art lanciato da CINTA – osservatorio sull’innovazione tecnologica e metodologica in ambito culturale  e imprenditoriale, promosso da Regione Lazio e Fondazione Pastificio Cerere – è stato proprio Smarrelli a incontrare la platea di iscritti, sviluppando il grande tema di fondo: i rapporti tra arte, formazione e impresa, analizzando cosa accade Quando  l’impresa fa cultura. Insieme a lui, lo scorso 8 maggio, c’erano  Giovanni Boano, CEO e Senior Trainer di Hic et Nunc, società di formazione manageriale; Deborah Carè, Direttore della Fondazione Ermanno Casoli e Brand Communication Manager di Elica; Matteo Caroli, professore ordinario di international business alla facoltà di Economia dell’Università Luiss Guido Carli; Ettore Favini, artista; Cesare Pietroiusti, artista; Piero Tucci, Senior Partner della società M&D srl.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.