Il Victoria&Albert Museum di Londra dedica questo breve documentario a Fausto Puglisi, globetrotter di origini siciliane, tra i fashion designer italiani più giovani e in ascesa. Corteggiatissimo da star del cinema, della musica, della tv, è apprezzato a livello internazionale per l’eleganza, la cifra originale, l’armonia dei tagli irregolari ma esatti, le preziose finiture sartoriali e il gusto nel combinare o sovrapporre fantasie, decori, applicazioni.
Un carattere subito riconoscibile, quello di Fausto Puglisi. Mai troppo minimale, troppo bon ton, troppo tradizionale: il suo mix calibratissimo – in cui si distingue una passione costante per le microgonne, spesso a ruota o a campana, per gli estrosi abiti da sera, gli spolverini e i mini abiti strutturati – celebra l’unione spregiudicata tra suggestioni punk, rock, optical, esotiche, pop, scozzesi, regali, militari, sacre e profane.

Il tutto, sempre, reinventato con un rigore assoluto, esaltando in primis l’eccellenza del lavoro artigianale, i dettagli, la fattura, il rispetto di un sapere antico. Essere un testimone del made in Italy? Per Fausto Puglisi significa proprio questo: investire su quell’artiginalità che è parte integrante della cultura nazionale, e insieme cogliere la vocazione per la ricerca e la scoperta che identifica il genio italiano. Andare oltre, sfidare le forme ed i linguaggi, unendo l’ossessione per la precisione, la passione per il lavoro, il potere del sogno e la disciplina quotidiana. Con tutto l’orgoglio di appartenere a una storia creativa unica al mondo.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.