Un paesaggio apocalittico, di desolazione e di devastazione. Quello che resta dopo la fine dei tempi: immagine soverchiante e fatale, descritta dal rosso lacca di cime brulle, coperte di fuoco e di cenere. Giacomo Costa, nei tre grandi pannelli esposti da CUBO – Centro Unipol Bologna, dà vita a uno dei suoi landscape artificiali, in apparenza fotografie manipolate, in realtà elaborazioni integralmente digitali, ottenute grazie a raffinati software.
Traces riprende il tema catastrofico, ricorrente nella ricerca dell’artista toscano, legato a riflessioni sui destini del Pianeta, tra sfruttamento ambientale, accelerazione spasmodica del progresso, rottura degli equilibri dell’ecosistema. Una condizione di precarietà e di lenta deriva, che scatena nell’immaginazione di Costa visioni monumentali e tragiche, nel loro scintillante sapore scenografico, di fiction o di sogno. Quasi come un oracolo, o un estremo monito in forma di allucinazione, il trittico descrive il crollo di un’utopia – quella di una linea progressiva della storia, felicemente condotta da scienza e tecnica – e dà un volto all’apocalisse tanto temuta, narrata da mitologie bibliche, suggestioni new age, millenarie teorie cosmologiche, scenari fantascientifici.

Assente la figura umana, ma anche l’architettura. Unica presenza aliena, tra le rocce bollenti, è una tortuosa muraglia di pietra, che vista dall’alto svela il segreto nascosto nell’immagine: un muro di parole, stagliate contro il cielo plumbeo, piantate nella terra e strette come un vortice tutt’intorno alle montagne. Sono le “tracce” lasciate dall’uomo prima del collasso: segni di una civiltà ormai estinta, lasciati come granitico testamento. Indecifrabili per eventuali forme di vita future, le lettere contengono secoli di storia e di battaglie. Liberté, egalité, fraternitè, il motto della Rivoluzione francese, è scolpito in tante lingue diverse,  a evocare il senso di una sfida perduta. È l’idea persistente, e sempre mancata, di una trasformazione radicale, di un capovolgimento del sistema, di una liberazione che preluda a un tempo nuovo e migliore. Di questo spirito, nella visione di Giacomo Costa, resta una traccia immaginaria. Sospesa nel vuoto di un fallimento presagito.

Helga Marsala

Giacomo Costa, “Traces”
CUBO, Centro Unipol Bologna | Spazio Arte
Piazza Vieira de Mello 3, Bologna
fino al 12 aprile 2014
www.cubounipol.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.