Lunedì tranquillo in Berlinale: la mattinata parte in lingua mandarina con Blind Massage di Lou Ye. Ache in Cina i ciechi sono degli abili massaggiatori: a Nanchino una comunità di non vedenti pratica i principi dell’antica medicina locale per effettuare massaggi tradizionali. Lo spazio in cui agiscono si trasforma così in un’oasi di tranquillità ai margini del caos cittadino.
Ma in Posdamerstrabe non si fa che parlare del “vecchio” Alain Resnais. Vecchio solo per ragioni anagrafiche, perchè i suoi film vibrano ancora di intensa vitalità, anche quando parlano degli ultimi giorni di un uomo e dei suoi amori. Per la terza volta dopo Smoking/No Smoking (1993) e Coeurs (2006), con Life of Riley Resnais sceglie di trasporre una piece di Alan Ayckbourne e lo fa con un cast di famiglia, compresa la compagna e musa, Sabine Azemà, principale interprete dei suoi film dal 1983 in poi.

Come non citare, infine, il documentario di Gianni Amelio, iserito nella sezione “Panorama”. Il nostro regista, che di recente ha fatto coming out, ha presentato Felice chi è diverso. Un viaggio di taglio antropologico che documenta la vita segreta degli omosessuali italiani nel XX secolo, arrivando fino agli anni Ottanta.


Federica Polidoro

CONDIVIDI
Federica Polidoro
Federica Polidoro si laurea in Studi Teorici Storici e Critici sul Cinema e gli Audiovisivi all'Università Roma Tre. Ha diretto per tre anni il Roma Tre Film Festival al Teatro Palladium, selezionando opere provenienti da quattro continenti, coinvolgendo Istituti di Cultura come quello Giapponese e soggiornando a New York per la ricerca di giovani talent sia nel circuito off, che nell'ambito dello studentato NYU Tisch, SVA e NYFA. Ha girato alcuni brevi film di finzione, premiati in festival e concorsi nazionali. Ha firmato la regia di spot, sigle e film di montaggio per festival, mostre, canali televisivi privati e circuiti indipendenti. Sta lavorando ad un videoprogetto editoriale per la casa editrice koreana Chobang. È giornalista pubblicista e negli anni ha collaborato con quotidiani nazionali, magazine e web media come Il Tempo, Inside Art e Il Faro. Ha seguito da corrispondente i principali eventi cinematografici dell'agenda internazionale tra cui Cannes, Venezia, Toronto, Taormina e Roma e i maggiori avvenimenti relativi all'arte contemporanea della Capitale. Attualmente insegna Tecniche di Montaggio all'Accademia di Belle Arti.