Si chiama Ali Lacey e in questo spazio di lavoro e di concentrazione la sua missione è quella di confezionare suoni. Colpire con un martello una vecchia vasca da bagno, demolire una cucina a gas, far vibrare un pezzo di metallo, percuotere una carriola: microfoni puntati, apparecchiature accese, registrazione, postproduzione, e il gioco è fatto. I suoni collezionati da Ali diventeranno materiale prezioso per strumenti, giochi, film, programmi televisivi. C’è qualcosa di magico in questa passione per il rumore, ma anche per il vuoto che lo contiene: la misura, l’estenzione, la densità, la direzione, i sottili passaggi, i colori, i timbri, la plasticità di ogni suono diventano, per le orecchie di un sound designer, un universo infinito da esplorare, rubando l’anima impalpabile della natura.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Angelov

    LIKE