Dialoghi in rete, con MAXXIinWeb. Gaetano Pesce e il Bello nel Design

Terzo incontro per il ciclo di talk promosso da Maxxi e Telecom Italia. A indagare il senso del Bello, attraverso la chiave del design, c’è il grande Gaetano Pesce. A partire dalla 19 di oggi, 3 dicembre, in streaming e poi on demand. Anche su Artrinbune Television

Gaetano Pesce, La fiorita

I numeri sono eloquenti. MAXXIinWEB è un format che funziona. Un appuntamento di nicchia, per gli appassionati di cultura e arte contemporanea, ma che grazie alla capillare diffusione digitale ha oltrepassato il perimetro del seppur grande Auditorum di Via Guido Reni, raggiungendo una ben più vasta platea: quella della rete. Con circa 5mila utenti connessi in live streaming, e 6mila che hanno seguito la registrazione con l’opzione on demand – oltre alla partecipazione in tempo reale degli utenti Twitter – i primi due incontri sono stati un successo. Complici anche i nomi di richiamo e l’approccio mai ostico delle conversazioni.
Adesso, dopo l’excursus di Nancy Brilli sulla sua esperienza col teatro, e dopo Stefano Arienti, che ha condiviso i passaggi salienti di una carriera nell’arte, è la volta di Gaetano Pesce. Il filo conduttore è ancora quello della bellezza, stavolta declinato attraverso la lente del design. A intervistarlo, dopo l’introduzione di  Margherita Guccione, Direttore del MAXXI Architettura, è la curatrice Domitilla Dardi.

Pesce, tra i designer italiani più noti ed apprezzati al mondo, porta avanti da decenni una ricerca rigorosa in cui convivono architettura, arredo d’interni, pianificazione urbana, progettazione di gioielli. Sempre forte la vocazione per la sperimentazione, che ha lasciato sconfinare l’idea di funzionalità verso suggestioni di natura artistica, concettuale, poetica. Attratto dalla qualità tattile e plastica dei materiali, come pure dalla loro componente altamente tecnologica, Pesce ha esplorato frontiere sempre nuove, mantenendo alcune costanti: la passione per la resina e i materiali plastici schiumati, ad esempio, ma anche il ricorso a una tavolozza di colori ampissima, scegliendo tinte accese, sature, a contrasto.
L’ipercromatico, ironico, radicale e irriverente mondo delle sue creazioni ha spesso accolto tematiche forti, di natura sociale, estetica, teorica, che hanno trovato approdo in un linguaggio concreto, fatto di forme, di segni, di oggetti del quotidiano. Una carriera straordinaria, la sua, che lo ha visto protagonista di importanti mostre – dal Centre Pompidou e il Museo delle Arti Decorative di Parigi alla Triennale di Milano, dal MoMA di New York al Victoria and Albert Museum di Londra, dal Vitra Design Museum al Montreal Museum of Fine Art – e insieme progettista per i migliori marchi internazionali. Tra le opere realizzate in ambito architettonico: l’Organic Building di Osaka, con pareti esterne in materiale plastico (1990); gli interni dell’agenzia pubblicitaria TBWA Chiat/Day a New York (1994); un Souvenir shop del Millennio, interamente in silicone, ad Avignone (2001); il Pink Pavillon  (2008), padiglione per i laboratori didattici della Triennale di Milano; il Pescetrullo (2008), abitazione pugliese realizzata con casseforme di legno e poliuretano espanso.
MAXXIinWeb è un progetto del Maxxi, in collaborazione con Telecom Italia. Le dirette e poi la visione on demand sono su www.telecomitalia.com e anche su Artribune Television.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • lia bo fisher

    grazie, grazie per i vostri streaming. sono a milano e ho avuto il piacere di ascoltare
    la visione di gaetano pesce. lia bo fisher