Testi e regia: Alessandra Galletta
riprese: Silvia Boschiero e Andrea Giannone
montaggio: Andrea Giannone

grafica: Laura Tonicello
produzione: LaGalla23 per Artribune Television

Una conversazione per immagini. Un reciproco incastrarsi attraverso piani, linee, volumi. Trovandosi in quel punto in cui la vicenda estetica del corpo si tramuta in esperienza della sparizione e dell’astrazione. Dal paesaggio fisico verso quello immateriale. Urs Lüthi e Agne Raceviciute, un maestro e un’artista emergente, lui svizzero, lei di origini lituane, si incontrano negli spazi di Via Farini, alla Fabbrica del Vapore di Milano, per una raffinata doppia personale, a cura di Simone Frangi. Uniti da una sensibilità assoluta per i bianchi e i neri, tra mediazioni silenziose di grigi, i due allestiscono un teatro di forme in mutazione: nelle installazioni di lei – drappeggi plastici e austeri, a evocare organiche presenze in dissolvenza – e nelle strutture rigorose di lui, affiancate agli autoritratti fotografici, questo spazio visivo ed esistenziale si fa misterioso “conclave”. Che è anche il titolo della serie di lavori scelti da Agne: evocazione di un luogo sacro e insieme carnale,  in cui ritrovare una spiritualità sobria, raccolta, meditata. Tra monumentalità e minime soglie.

La dimensione scultorea, nella ricerca dei Raceviciute, è tutt’uno con quella grafica e fotografica, scegliendo la permanenza ossessiva di un nero che avvolge e spalanca sensi nuovi: indizi di precarietà, di ambiguità, di invisibili latenze. Mentre, tutto intorno, i Territories di Luthi, strutture lineari minimali, convivono con le immagini del ciclo Spazio Umano. Il risultato? Riflessi non esatti tra corpi in bilico, silhouette spettrali, riflessi vitalissimi e umani, offerti all’azione incompiuta ed all’informe.
Così, questa storia tra due artisti lontani, che è la storia di un innamoramento visivo e di una empatia umana, col desiderio di mettersi in gioco, conduce fin nel cuore di un dialogo intergenerazionale, oltre i clichè del mercato e le dimenticanze del sistema. Recuperando quella chance implicita in ogni reale corrispondenza creativa. Trovarsi, trovare gli accodi giusti, mettere in relazioni opere e percorsi, costruire un equilibrio. Tutto questo lo raccontano proprio loro, gli autori, nell’intervista-report diretta per Artribune Television da Alessandra Galletta. Un breve film, in cui le parole e le immagini si intrecciano, lasciando venire il senso iconico e quello sommerso di questa inedita avventura.

Helga Marsala

fino al 23 novembre 2013
www.viafarini.org

 

 

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.